Tag Archives: segretario

ORGOGLIOSO DI QUESTO PARTITO

Verso-Veneto-2015Lettera di Roger De Menech ai Segretari di Circolo

Caro segretario,

                         desidero ringraziarti personalmente per lo straordinario lavoro fatto affinché il lancio della campagna elettorale di Alessandra Moretti riuscisse al meglio.

Anche grazie al tuo impegno oltre 2.000 persone hanno potuto partecipare all’emozionante evento di oggi a Padova. L’avvio della campagna elettorale non poteva nascere sotto migliori auspici. Sono sinceramente orgoglioso di questo Pd, generoso, concreto e fiducioso nel futuro. Sento crescere non più solo tra di noi, la convinzione che questa volta, in Veneto, possiamo fare l’impresa di vincere le elezioni regionali.

L’energia della candidata, l’organizzazione del partito e il contributo di idee e di partecipazione dei nostri militanti sono i punti di forza che nessuna altro movimento politico ha la possibilità di mettere in campo.

Da domani mattina saremo tutti di nuovo al lavoro per proseguire una campagna che vinceremo perché abbiamo un progetto migliore rispetto ai nostri avversari, perché ci crediamo e perché ci spendenderemo fino all’ultimo minuto utile. Ora però, fermiamoci un momento a osservare l’entusiasmo, la forza e la positività che siamo in grado di generare.

Un abbraccio sincero

 

Roger De Menech

INIZIAMO DAL VENETO

Documento della Segreteria Regionale del PD del Veneto

Trasparenza, indipendenza, sobrietà ed efficienza:

La nuova segreteria del Partito Democratico del Veneto pretende trasparenza ed efficienza da ogni livello dirigenziale del partito. Qualsiasi contributo ricevuto dal PD regionale, dalle federazioni provinciali e da tutti gli eletti del PD deve essere registrato e reso pubblico sul sito dei partito provinciale, regionale e personale di ogni rappresentante politico, assieme ai costi sostenuti per l’attività politica svolta in modo chiaro e leggibile da ogni cittadino.

La politica è prima di tutto un ideale che si traduce in azioni concrete per realizzarlo, quindi ogni contributo che un privato o un’azienda intenda dare per sostenere tale ideale deve essere conosciuto affinché chiunque possa verificare che non ci siano secondi fini illeciti. La politica non deve più costare ai cittadini né in termini diretti di risorse pubbliche dedicate né in termini indiretti di corruzione, come abbiamo spesso visto negli anni con il sistema del finanziamento pubblico, il quale non ha assolutamente evitato episodi di malcostume nonostante l’enormità delle cifre erogate. Anche per questo è stato deciso di togliere tale norma sia per riguadagnare passo dopo passo la fiducia dei cittadini che per ricondurre la politica a una sobrietà della spesa; non possiamo tollerare che vecchie logiche e poche mele marce rovinino il grande lavoro che sta facendo il PD in Italia per ridare credibilità alla classe politica.

Continue reading